Campionato di Promozione

Cambiano gli obiettivi: l’ASD Ostuni 1945 perde in casa 0 – 1 con il Tricase

I gialloblu subiscono al comunale la formazione dell’Atletico Tricase. Secondi in classifica, sono quattro adesso i punti che separano dalla vetta del Brindisi

Calcio
Ostuni lunedì 19 febbraio 2018
di Domenico Triarico
Cambiano gli obiettivi: l’ASD Ostuni 1945 perde in casa 0 – 1 con il Tricase
Cambiano gli obiettivi: l’ASD Ostuni 1945 perde in casa 0 – 1 con il Tricase © OstuniLive.it

Al “Vito Asciano” va in scena uno scontro diretto che può risultare rivelatorio per le sorti dell’Ostuni. I gialloblu, provenienti dalla convincente vittoria contro il Copertino, ospitano il Tricase, terza forza del girone distante solo quattro punti. La classifica, che vede il Brindisi lontano solo due lunghezze, e i recuperi di Gennari e Colluto permettono ancora a Petruzzella e compagni di sognare in una promozione in Eccellenza insperata a inizio stagione. L’atmosfera al Comunale è quella delle grandi occasioni e la forte rivalità che lega le due tifoserie rende la sfida ancora più interessante. Le squadre sono sullo stesso piano tecnico e lo spettacolo cede il posto ad uno sterile tira e molla a centrocampo.

Le uniche due vere occasioni della prima frazione capitano ai padroni di casa nei primi dieci minuti: al 4’ Petruzzella raccoglie un’ottima imbucata dalle retrovie ma viene ipnotizzato dall’esperto estremo difensore Leopizzi, ex portiere di Spal, Udinese e Southampton, e al 9’ Pace conclude di controbalzo dai venti metri, sempre su sponda del capitano gialloblu, ma la sfera finisce a lato non di molto. Il secondo tempo sembra dover seguire lo stesso filone narrativo del primo, ma al 57’ il colpo di testa dell’ex Giorgetti su corner va ad insaccarsi alle spalle di Magazzino per il vantaggio degli ospiti. Il gol del numero 11 tricasino è una pugnalata al cuore per i giocatori e i tifosi. Sugli spalti, fino a quel momento rumorosi e festosi, cala un silenzio tombale, i cori si levano a fatica, smorzati dalla delusione.

Ostuni le prova tutte, persino Misuraca si spinge in avanti dalla difesa palla al piede ma, minuto dopo minuto, la tensione e l’ansia di non riuscire a riprendere il risultato cresce irrimediabilmente. Di minuto in minuto Brindisi si fa sempre più lontano e Tricase sempre più vicino. L’ultima occasione arriva da una punizione di Colluto che però, colpendo l’esterno della rete, darà solo l’illusione del gol.

Finisce 0 – 1, un risultato amareggia la squadra e anche la tifoseria. A Ciraci e Funaro serve ritrovare quegli equilibri che fino a qualche settimana fa erano propri di una squadra capace di vincere partite su partite, in modo da non rendere problematica la apparentemente agevole trasferta di domenica prossima a Sava.

Lascia il tuo commento
commenti