Ferragosto a “La Sommità”: quando il Mare incontra il Cielo

Il Menu della cena di Ferragosto, metafora di un’intera notte in riva al mare

La Sommità - Relais L’arte dell’Ospitalità
Ostuni - giovedì 13 agosto 2015
©

Ferragosto, fin dai tempi dell’Antica Roma, è la festa più significativa dell’estate, il Clou della vacanza, a un passo quasi dalla sua fine. In occasione del giorno di festa, lo Chef Andrea Cannalire, vuole compiere un’impresa eccezionale: portare il Mare, con i suoi gusti e colori, nel ristorante “Cielo” di Relais La Sommità.

Immaginiamo con la fantasia di trovarci sulla spiaggia, di fronte al mare, pronti a trascorrervi tutta la notte, immersi nei colori che del tramonto e in quelli dell’alba. Qui i profumi sono un misto di salsedine, pescato fresco, spezie esotiche e frutta. Degustare le portate del Menu sarà come trascorrere una notte di fronte al mare.

Un tenue inizio di tramonto si veste dei colori delicati dell’astice, sfumati dal giallo intenso del melone e dal rosso succoso dell’anguria.

Il sole inizia a immergersi in mare, e si carica del rosso più intenso dei gamberi profumati di salsa Tzatziki.

La luce calda macchia l’acqua come l’ostrica, resa delicata dal passion fruit e l’orzata, in contrasto con formaggio di capra che ne esalta la salinità.

E’ il crepuscolo…non è ancora buio…il Risotto con arancio, stracciatella e gamberi ci porta ad un Mare che non si distingue quasi più dal Cielo, senza essere del tutto scuro.

Calano le tenebre, puntellate di peperoni gialli come fossero stelle che adornano il gusto intenso del baccalà mantecato.

La notte è quasi trascorsa, ma un ultimo momento magico attende i commensali: l’alba. Come in un sogno di mezza estate, un luminoso pompelmo rosa delizia i sensi con la sua freschezza.

Arrivederci Estate, effimera certezza e costante illusione.

Lascia il tuo commento
commenti
Altri articoli
Gli articoli più letti