Operazione congiunta

Villanova, bagnino lascia sguarnita la postazione e picchia un militare della Capitaneria: arrestato

Ieri, nel corso di un controllo , gli agenti della Capitaneria di Porto hanno stilato un verbale nei confronti di un bagnino che non si trovava nella sua postazione. Questi, per tutta risposta, ha picchiato un militare

Cronaca
Ostuni giovedì 17 agosto 2017
di La Redazione
Villanova, bagnino lascia sguarnita la postazione e picchia un militare della Capitaneria: arrestato
Villanova, bagnino lascia sguarnita la postazione e picchia un militare della Capitaneria: arrestato © repertorio web

Ieri mattina, mercoledì 16 agosto, nel corso di un controllo effettuato a Villanova, gli uomini della Capitaneria di Porto, guidati dal Capitano di vascello Salvatore Minervino, hanno trovato sguarnita la postazione di un bagnino, presso uno stabilimento balneare della località marittima ostunese. Quando sono riusciti a rintracciare il giovane, Antonio Di Domenico, un ventiquattrenne di Carovigno e gli hanno consegnato in verbale per non aver ottemperato alla sua funzione, quest’ultimo ha preso a calci e pugni uno degli uomini della Capitaneria e per questa ragione è stato arrestato.

L’assenza del bagnino dalla postazione, soprattutto in una giornata come quella di ieri, in cui il mare era molto agitato, avrebbe messo a serio rischio l’incolumità dei tanti bagnanti presenti nel lido.

Nel momento in cui i militari hanno rintracciato il giovane, questi ha dapprima strappato il verbale consegnatoli e poi, nel momento in cui i tre militari della Capitaneria si stavano allontanando, la situazione è precipitata quando uno dei tre è stato avvicinato da qualcuno che chiedeva informazioni su cosa fosse successo. A questo punto il bagnino si è diretto verso i militari e ha iniziato prima a minacciare e poi a picchiare uno dei tre, con spinte, calci e pugni, prontamente difeso dagli altri due. A seguito dell’aggressione, l’agente della Capitaneria di Porto ha riportato lesioni giudicate dai sanitari guaribili in sei giorni, salvo complicazioni.

Sulla spiaggia sono sopraggiunti gli agenti del Commissariato di Polizia della Città Bianca a dare manforte ai colleghi della Capitaneria. Il giovane è stato quindi portato negli uffici del Commissariato dove, di concerto con il Pubblico Ministero di turno del Tribunale di Brindisi, Francesco Carluccio, è stato posto in regime di arresti domiciliari presso la propria abitazione, con l’accusa di lesioni aggravate ai danni di un pubblico ufficiale.




Lascia il tuo commento
commenti