Tradizioni

Cavalcata Sant’Oronzo protagonista a Lecce e Turi

Buongiorno traccia il bilancio delle attività

Attualità
Ostuni venerdì 21 settembre 2018
di La Redazione
Cavalcata Sant’Oronzo protagonista a Lecce e Turi
Cavalcata Sant’Oronzo protagonista a Lecce e Turi © n.c.

Si sono concluse lo scorso 27 agosto le festività in onore di Sant’Oronzo a Ostuni.

Un’edizione speciale per la ricorrenza dei 1.950 anni dal martirio del primo vescovo del Salento. Nell’edizione 2018 l’Associazione Cavalcata Sant’Oronzo di Ostuni è stata protagonista in due appuntamenti importanti, i festeggiamenti di Sant’Oronzo a Turi, luogo in cui sono arrivate le reliquie del santo dalla Croazia e la città di Lecce, dove quattro cavalli bardati e diversi cavalieri hanno sfilato all’apertura della solenne processione.

«Siamo soddisfatti di quanto fatto quest’anno – ha sottolineato il presidente dell’associazione, Agostino Buongiorno – abbiamo portato in giro per la nostra regione la nostra tradizione religiosa, già dallo scorso giugno quando siamo stati ospiti della festa patronale di Fasano. L’emozione più forte però l’abbiamo vissuta a Turi, dove abbiamo omaggiato le reliquie di Sant’Oronzo, è stato un bel momento anche quello vissuto a Lecce. Per la prima volta le città che venerano il primo vescovo del Salento si sono ritrovate insieme, tanto bisogno continuare a fare per creare rete tra le città che celebrano ogni anno Sant’Oronzo».

Al termine delle festività lo scorso 27 agosto, il nuovo direttivo della Cavalcata e tutti gli associati hanno voluto rendere omaggio a tutti i presidenti che si sono susseguiti nel tempo. Sono stati premiati il fondatore dell’associazione Dino Ciccarese, Renato Santomanco, don Maurizio Caliandro, Angelo Mola, Paolo Peruzzi e Giuseppe Bagnulo.

Un riconoscimento è stato consegnato anche ai nuovi soci onorari: Oronzo Greco, Michele Santoro e Agostino Rodio.

Lascia il tuo commento
commenti