Importante riconoscimento

Il Ministero dell'Agricoltura premia il Paesaggio Agrario della Piana degli oliveti

Proprio quando la Xylella fastidiosa insidia il patrimonio degli olivi pugliesi, il Ministero assegna un importante riconoscimento al Paesaggio Agrario della Piana degli oliveti

Attualità
Ostuni venerdì 23 febbraio 2018
di La Redazione
Il Ministero dell'Agricoltura premia il Paesaggio Agrario della Piana degli oliveti
Il Ministero dell'Agricoltura premia il Paesaggio Agrario della Piana degli oliveti © web

Proprio quando gli olivi pugliesi vivono un momento particolarmente difficile legato alla diffusione della Xylella fastidiosa, arriva un importante riconoscimento assegnato dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali.

Ieri, giovedì 22 febbraio, a Roma si è tenuta la cerimonia di premiazione delle Pratiche agricole tradizionali e dei Paesaggi rurali storici iscritti nel registro nazionale, che ha premato dieci paesaggi, tra cui il Paesaggio Agrario della Piana degli Oliveti.

Gli altri Paesaggi rurali premiati sono: le Colline vitate del Soave; i Paesaggi Silvo pastorali di Moscheta; le Colline di Conegliano Valdobbiadene-Paesaggio del Prosecco Superiore; gli Oliveti terrazzati di Vallecorsa; la
Fascia pedemontana olivata Assisi – Spoleto; il Paesaggio della Pietra a secco dell’Isola di Pantelleria; il Paesaggio del Parco Regionale Storico Agricolo dell’Olivo di Venafro; il Paesaggio Policolturale di Trequanda e il Paesaggio rurale storico di Lamole.

«Nell’area di Ostuni, Fasano, Carovigno e Monopoli – ha commentato Gianni Cantele, presidente di Coldiretti Puglia, - sono presenti 250 mila olivi, esemplari di pregio straordinario così come anche certificato sulla base della mappatura effettuata per rispondere ai dettami della Legge regionale n. 14 del 4 giugno 2007 ‘Tutela e valorizzazione del paesaggio degli olivi monumentali della Puglia’. Gli olivi monumentali sono elemento di distintività e un patrimonio alla base della grande attratività della Puglia nei cofronti dei turisti nazionali ed internazionali per il grande patrimonio paesaggistico ed enogastronomico. In quest’ottica Coldiretti Puglia ritiene una ulteriore opportunità di promozione e valorizzazione l’individuazione di aree caratterizzate dagli olivi monumentali che potrebbero fregiarsi della prestigiosa dichiarazione di ‘sito patrimonio dell’Unesco’, azione per cui abbiamo sostenuto il Parco delle Dune Costiere nel percorso di riconoscimento della Piana degli ulivi monumentali quale patrimonio dell’Unesco».

«La Puglia è la regione italiana con il patrimonio olivicolo più importante – aggiunge Angelo Corsetti, direttore di Coldiretti Puglia - costituito da circa 60 milioni di piante, di cui circa la metà secolari e 3-5 milioni di esemplari addirittura planetari. Oltre 350mila ettari sono coltivati ad uliveto, pari al 25% della superfice agricola regionale. Sono attivi sul territorio pugliese 1200 frantoi che ‘lavorano’ 53 varietà di olive di innegabile valore e qualità».

Il riconoscimento del Ministero stride con quanto sta accadendo proprio in questi giorni nel territorio tra Ostuni e Cisternino, in contrada Acquarossa, dove si sarebbero riscontrati focolai di piante colpite dal batterio e che hanno comportato i primi eradicamenti degli olivi infetti e delle piante ospiti presenti nel raggio di cento metri, così come previsto dalla legge.

Il premio assegnato ieri dal Ministero al Paesaggio Agrario della Piana degli Oliveti certifica, ancora una volta, quanto questo patrimonio naturale abbia la necessità di essere tutelato e salvaguardato, per la sua enorme bellezza, ricchezza storica e unicità.





Lascia il tuo commento
commenti