Rigenerazione urbana

Inizia dalla Puglia il percorso che conduce all’VIII Congresso Nazionale degli Architetti

Si terrà venerdì prossimo a Bari “Le città del futuro”, il convegno curato dagli Ordini di Puglia e Basilicata che segna l’apertura dei lavori per l’atteso Congresso Nazionale incentrato sul tema della rigenerazione urbana

Attualità
Ostuni martedì 30 gennaio 2018
di La Redazione
Inizia dalla Puglia il percorso che conduce all’VIII Congresso Nazionale degli Architetti
Inizia dalla Puglia il percorso che conduce all’VIII Congresso Nazionale degli Architetti © Ordine degli Architetti PPC - Brindisi

Inizia a prendere forma e ad arricchirsi di sostanza il prossimo Congresso Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori, la cui VIII Edizione si celebrerà dal 5 al 7 luglio di quest’anno presso l’Auditorium della Musica di Roma. Si è tenuta ieri all’interno della sede dell’Ordine degli Architetti PPC di Bari, la conferenza stampa di presentazione del convegno di apertura dei lavori, il primo dei quattordici incontri in programma su tutto il territorio nazionale, che si svolgerà il prossimo venerdì 2 febbraio nella prestigiosa cornice di Villa Romanazzi Carducci, sotto l’egida degli Ordini di Puglia e Basilicata. L’articolato percorso verso l’VIII Congresso Nazionale, che si concentrerà su “Le città del futuro”, tema di massima attualità per i professionisti coinvolti ad ampio spettro, è stato illustrato dal Presidente dell’Ordine degli Architetti PPC di Bari Vitantonio Frallonardo; dalla Presidente dell’Ordine di Brindisi, l'architetto ostunese Serena Chiarelli; da Massimo Crusi, membro e tesoriere del Consiglio Nazionale degli Archietti PPC; da Massimo Prontera, Presidente della Federazione degli Architetti di Puglia, nonché Presidente dell’Ordine di Taranto; dal Presidente dell’Ordine della BAT Giuseppe D’Angelo; dal Presidente dell’Ordine di Lecce Rocco De Matteis; dal Presidente dell’Ordine di Foggia Nicola Tramonte.

«Una esemplare sinergia istituzionale ha dato vita al convegno del prossimo 2 febbraio a Bari, che rappresenta il punto di partenza verso l’ottava edizione del Congresso Nazionale della categoria – spiega l’Arch. Massimo Pronteraun importante evento che peraltro non viene celebrato da dieci anni. Il primo convegno sarà una preziosa occasione di confronto, di riflessione su tutta una serie di questioni legate non solo strettamente alla nostra professione, ma che anzi coinvolgono l’intera società. Il tema è quello de “Le città del futuro” su cui si concentreranno le relazioni in merito alle best practice di Puglia e Basilicata, Regioni che hanno messo a confronto sensibilità, idee e condiviso dubbi e criticità per studiare il modo di rendere gli spazi urbani maggiormente vivibili e attrattivi sotto i più disparati punti di vista».

«L’idea del prossimo Congresso Nazionale – dichiara l’Arch. Massimo Crusiè quella di coinvolgere la “base”, ovvero chiamare a raccolta tutti i professionisti che operano in stretta unione con i propri territori. Il Congresso capita inoltre in un momento di svolta per il nostro Paese, che presto rinnoverà Governo e Parlamento, pertanto ci auguriamo si possa verificare una rottura con un passato che professionalmente non ci piace e, al tempo stesso, si generi in ciascun iscritto un nuovo slancio per lavorare verso quanto di buono ci prospetta il futuro. Nelle 14 tappe che portano al Congresso Nazionale, cercheremo di creare le condizioni affinché ogni territorio converga con progetti, visioni, esperienze e proposte, per riflettere insieme sull’ampio e complesso concetto di rigenerazione urbana, ma anche per affrontare le problematiche che affliggono da tempo la categoria professionale. Riteniamo che una legge sull’Architettura sia una necessità per il Paese, non solo per gli Architetti, quindi invito tutti gli iscritti a collaborare nel solco tracciato dal Consiglio Nazionale, dalle Federazioni Regionali e dagli Ordini Provinciali, impegnandosi a fissare degli obiettivi condivisi che bisogna necessariamente raggiungere».

Lascia il tuo commento
commenti