Impegno e solidarietà

Monsignor Satriano consacra in Kenya una chiesa costruita con le donazioni dei fedeli brindisini

E' stata celebrata da Monsignor Giuseppe Satriano il 9 gennaio, la cerimonia di consacrazione della Chiesa di Lontolio in Kenya, costruita grazie alle donazioni dei fedeli della Diocesi di Brindisi-Ostuni

Attualità
Ostuni martedì 12 gennaio 2016
di La Redazione
Monsignor Satriano inaugura Chiesa in Kenya
Monsignor Satriano inaugura Chiesa in Kenya © @Arcidiocesi Rossano-Cariati

Una piccola chiesa costruita a Laisamis, un villaggio sperduto nel deserto del Kenya. E’ stato Monsignor Giuseppe Satriano, dal 15 luglio 2014 Vescovo della Diocesi di Rossano-Cariati, che in questi giorni si trova in visita nel Paese africano, a celebrare la cerimonia della consacrazione della Chiesa di Lontolio, dedicata a Giovanni Paolo II e costruita grazie alle donazioni raccolte dalla Arcidiocesi di Brindisi-Ostuni, cinque anni fa, in occasione del suo venticinquesimo anno di sacerdozio.

Per anni Vicario generale dell’Arcidiocesi di Brindisi-Ostuni, l'Arcivescovo Satriano si è sempre speso nei confronti dei più deboli e bisognosi, recandosi più volte in Africa a portare conforto e sostegno. Alla cerimonia di inaugurazione della Chiesa, avvenuta sabato 9 gennaio, hanno partecipato tutte le tribù della zona e una piccola delegazione della chiesa rossanese, oltre ad alcuni sacerdoti della “Fidei Donum” che hanno prestato servizio presso la Diocesi di Brindisi-Ostuni dal 1990 al 2004.

Nel corso della consacrazione della Chiesa, le popolazioni semi nomadi della zona hanno dato vita a una celebrazione gioiosa, insieme al Vescovo del luogo, Monsignor Peter Kiara, che ha accolto gli ospiti con parole di profonda gratitudine e riconoscenza. Monsignor Satriano ha attestato ai presenti la vicinanza della Arcidiocesi da lui guidata, che ha da poco vissuto una giornata di sensibilizzazione a questo popolo, segnato dalla povertà, raccogliendo una somma di denaro da destinare a un progetto educativo o a sostegno dei bisognosi della Comunità.
 

Lascia il tuo commento
commenti