Non c’è due senza tre

Decisivo l’arbitraggio nella partita dell’ASD Ostuni 1945 contro il Tricase, che termina 1-1

Nonostante la grinta e la superiorità tecnica, i gialloblu in trasferta a Tricase portano a casa il terzo pareggio consecutivo

Calcio
Ostuni lunedì 23 ottobre 2017
di Domenico Triarico
Decisivo l’arbitraggio nella partita dell’ASD Ostuni 1945 contro il Tricase, che termina 1-1
Decisivo l’arbitraggio nella partita dell’ASD Ostuni 1945 contro il Tricase, che termina 1-1 © OstuniLive.it

È un Ostuni chiamato alla vittoria quello che si presenta a Tricase per la 7° giornata del Girone B del Campionato di Promozione Puglia. Petruzzella e compagni, in cerca di riscatto dopo il sorprendente pareggio interno contro Copertino, vanno ad affrontare un Tricase fermo a metà classifica dopo la sconfitta per 3-0 rimediata contro i secondi della classe dell’Uggiano. Ostuni fa la partita senza mettere mai in discussione la propria superiorità, spadroneggiando a livello di possesso palla e studiando l’avversario, che si chiude in difesa sin dalle prime battute. È Sanna a sbloccare il risultato dopo un quarto d’ora, con un destro da 30 metri che coglie impreparato l’estremo difensore rossoblu.

Prima gioia personale per il centrocampista ostunese, che più volte nel corso delle partite precedenti aveva cercato soluzioni del genere, con scarsi risultati. Ostuni continua a controllare la gara, disponendosi bene in fase di non possesso e amministrando bene in fase di impostazione, riuscendo così ad andare negli spogliatoi sul vantaggio. Si torna in campo con Ostuni chiaramente intenzionato a chiuderla; a pochi minuti dall’inizio infatti, Pace dopo una grande azione personale conclude in porta trovando però una traversa che vanifica il bel lavoro del mediano gialloblu. Ancora Ostuni con capitan Petruzzella che, dopo essersi abilmente liberato a ridosso dell’area di rigore, calcia in porta trovando un’attenta respinta dell’estremo difensore ma sulla palla, vagante in area, Marasciulo non si avventa con la giusta convinzione e conclude incredibilmente a lato a porta sguarnita.

Ed è intorno alla mezz’ora del secondo tempo che avviene il fattaccio che manderà su tutte le furie gli ospiti: velleitaria sortita offensiva del Tricase, con l’esterno che fa partire un traversone che va a finire dalle parti di Loscalzo, il quale, nell’afferrare la sfera, va ad accasciarsi. L’arbitro, che non è nella posizione adeguata per prendere una decisione del genere, vede la palla oltre la linea di porta, convalidando così la marcatura ai padroni di casa. Petruzzella, su tutte le furie, va a chiedere spiegazioni all’arbitro prima e al guardalinee poi, quest’ ultimo chiaramente reo di non aver coadiuvato correttamente l’arbitro nel suo errore. È un Ostuni arrabbiato che attacca con tutte le sue forze, ma che vede contrastare la propria manovra offensiva da 11 giocatori avversari tutti riversi nella propria metà campo. Inevitabile alla fine l’esito: 1-1.

Un risultato che va stretto ai ragazzi di Ciraci, che raccolgono il terzo pareggio consecutivo, il quarto in campionato. La squadra, oggi penalizzata da una valutazione arbitrale francamente opinabile, è chiamata a tornare al successo nell’impegno casalingo di settimana prossima contro Sava, penultima in classifica.

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette