Incredibile rimonta casalinga

L' Ostuni 1945 vince il primo match casalingo contro l’Ugento

È finita 3-2 la partita disputata ieri tra le mura del Comunale, dopo un incontro avvincente a prevalere sono i gialloblu

Calcio
Ostuni lunedì 18 settembre 2017
di Domenico Triarico
Gioia finale al Comunale di Ostuni
Gioia finale al Comunale di Ostuni © Salvatore Galizia

Vittoria al cardiopalma per l’Asd Ostuni 1945 nel suo primo incontro casalingo. I gialloblu ospitano i leccesi dell’Ugento che, usciti con le ossa rotte dalla partita contro l’Uggiano nella prima giornata di campionato, vengono ad Ostuni con la voglia di fare punti. Sulla panchina dei padroni di casa torna mister Ciraci, assente contro il Lizzano, che schiera il solito 3-5-2, confermando sette undicesimi della formazione scesa in campo in terra tarantina. Tra le novità spiccano il giovane classe 2000 Regnani, autore di una prestazione piena di corsa e sacrificio, e il nuovo acquisto Forbes, arrivato dal Monopoli, ora in Serie C, che arriva ad Ostuni col chiaro intento di spostare gli equilibri. Prima della gara, il minuto di silenzio osservato in onore delle vittime del nubifragio di Livorno. Al quarto minuto di gioco è subito l’Ugento a presentarsi dalle parti di Loscalzo. Il centravanti numero 80, Ponzo, controlla sui 10 metri un bel traversone dalla sinistra, ma il giovane portiere gialloblu è reattivo ed attento e anticipa la conclusione.

Il primo vero brivido arriva sempre dalla sinistra, grazie ad un tiro cross dello scatenato esterno sinistro giallorosso Marra, che in un primo momento sorprende Loscalzo, bravo poi a intervenire prontamente. Un minuto più tardi arriva la reazione dell’Ostuni con Gennari, che prende palla sulla trequarti e conclude di poco a lato. Il gioco si addormenta per una ventina di minuti, a causa di varie imprecisioni da ambo le parti, quando alla mezzora, in seguito ad una verticalizzazione dell’11 giallorosso Cortese, Ponzo riesce ad eludere la difesa di Danese e Misuraca e prova a sorprendere Loscalzo con un morbido pallonetto al volo, che però va a stamparsi sulla traversa. Pochi minuti dopo viene ammonito Sanna, decisamente non in giornata, per un fallo tattico in seguito ad una ripartenza della squadra ospite.

La manovra dell’Ostuni è lenta ed impacciata ed alla costante ricerca di Forbes, che non riesce a trovare spunti interessante, data l’attenta marcatura dell’esterno giallorosso Solidoro. Ad approfittarne sono proprio i salentini che al 40’, in seguito ad una palla persa dal centrocampo gialloblu, riescono a trovare l’1-0 grazie a Cortese che, solo davanti a Loscalzo, non perdona. I giallorossi capiscono che il momento è propizio e continuano a premere in avanti finché, a tre minuti dal duplice fischio, Ponzo trova l’imbeccata giusta per Luperto, che agevolmente mette a segno il 2-0. Prima della fine del primo tempo, in una gara nervosa, il direttore di gara, Mallardi di Bari, ha occasione di ammonire Misuraca e Cortese in seguito ad un acceso diverbio sulla metà campo.

Si va negli spogliatoi sul risultato di 0-2, con una gara che per quello che hanno detto i primi 45 minuti, sembra poter solo peggiorare per i padroni di casa. Il più grande sceneggiatore non avrebbe potuto prevedere ciò che sarebbe accaduto nella seconda frazione. Si rientra dunque in campo con l’Ostuni all’attacco. Al 51’, sugli sviluppi di un calcio di punizione, Misuraca fallisce da distanza ravvicinata. Al 53’ ecco il fattaccio che, si può dire, determinerà le sorti dell’incontro: Regnani va in contrasto sul numero 13 dell’Ugento Tarsilla, il quale, infastidito dalla foga dell’intervento del giovane esterno gialloblu, gli rifila un calcione di reazione. Per Mallardi non ci sono dubbi: fallo e rosso diretto. Ciraci fiuta il momento e decide di scoprirsi facendo uscire un difensore fisico come Narracci al posto di un esterno di spinta quale Marasciulo e spostando Forbes sulla fascia destra, orfana ormai di un marcatore di ruolo.

I frutti sono immediati: al 60’ l’Ostuni preme fino a conquistarsi un calcio d’angolo. A battere è Gennari ed il suo cross spiovente trova pronto Danese che accorcia le distanze. Sulla destra Forbes si dimostra un calciatore di un’altra categoria; lo si vede chiaramente quando, al 65’ trova libero, dopo una corsa imperterrita sulla fascia, Cavallo, il quale però calcia sul portiere. Un minuto dopo i gialloblu hanno un’ennesima occasione dalla bandierina. Gennari batte e trova ancora danese che però non conclude a rete, ma offre la sponda a capitan Petruzzella che, da vero numero 9, non sbaglia e riequilibra le sorti del match. I giallorossi sono attoniti, sfiduciati e, oltretutto, con un uomo in meno. A farli tremare è il neo entrato Marasciulo, autore di una grande prestazione, che dalla sinistra fa partire un tiro cross che coglie impreparato l’estremo difensore ugentino Damiano, costretto a un intervento di fortuna sul palo.

E’ solo il preludio a ciò che nemmeno mezzora prima sembrava impensabile: dal conseguente corner è ancora il centrale difensivo Danese ad avventarsi come un avvoltoio sulla sfera e a battere per la seconda volta Damiano. Esplode la gioia gialloblu. La panchina si riversa in campo e sugli spalti, prima rumoreggianti, ora esplode la festa. Ugento sembra non provarci nemmeno e a poco servirà l’ingresso in campo del numero 9 Chiffi. Il risultato rimane invariato: Ostuni 3, Ugento 2.

Per i padroni di casa è una vittoria che rappresenta il secondo risultato utile consecutivo, mentre per gli ospiti è il secondo k.o. di fila. Tra le note positive per i gialloblu c’è sicuramente il neo-acquisto Forbes, Regnani e Danese, presente in tutte e tre le marcature casalinghe in una partita che ha messo in mostra le sue qualità offensive, più che quelle difensive. Nota dolente sicuramente Sanna, autore di un primo tempo deludente e di una seconda frazione senza particolari spunti.

Quattro gol fatti in campionato dai gialloblu, tutti ottenuti sugli sviluppi di calci piazzati, un dato che, se da un lato mette in evidenza il buon lavoro di Ciraci e Funaro sulle situazioni di palla inattiva, dall’altro sottolinea come la squadra abbia bisogno di trovare la propria quadra e di mettere in campo un gioco propositivo. Il cinismo però c’è stato in grande quantità e sarà sicuramente uno degli ingredienti fondamentali per disputare un campionato di alto livello, partendo già dalla prossima uscita, il derby contro Carovigno.

Risultati 2ª giornata:

Atletico Racale-Tricase 3-4

Copertino-Brindisi 0-2

Mesagne-Massafra 4-1

Ostuni-Ugento 3-2

Salento Football-Toma Maglie 0-1

Sava-Carovigno 1-2

Talsano-Lizzano 1-3

Uggiano-Deghi Lecce 2-1

CLASSIFICA: Brindisi 6, Mesagne 6, Uggiano 6, Atl. Tricase 6, Carovigno 6, Lizzano 4, Ostuni 4, Sava 3, A. Toma Maglie 3, Atl. Racale 3, Deghi 0, Ugento 0, Copertino 0, Talsano 0, Massafra 0, Salento Football 0.

Programma 3ª giornata (domenica 24.09.2017 ore 15.30)

A. Toma Maglie-Talsano, Atl. Racale-Copertino, Atl. Tricase-Salento Football, Brindisi-Sava, Carovigno-Ostuni, Deghi-Massafra, Lizzano-Uggiano, Ugento-Mesagne.

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette