Anche l’atletica diventa gialloblu

Ostuni Runner’s cambia look e presenta la nuova divisa alla Città Bianca

L’associazione ostunese accresce i consensi e a settembre apre le porte ai giovanissimi. Intanto il Sindaco Coppola si impegna a individuare una sede per le associazioni che ne sono sprovviste

Altri Sport
Ostuni mercoledì 19 aprile 2017
di Anna Maria Moro
Ostuni Runner’s cambia look e presenta la nuova divisa alla Città Bianca
Ostuni Runner’s cambia look e presenta la nuova divisa alla Città Bianca © OstuniLive.it

Dopo quattro anni dalla sua nascita, l’Associazione sportiva Ostuni Runner’s rinnova le divise e decide di vestire i colori che rappresentano lo sport nella città Bianca. Il giallo incontra il blu, quindi, nella nuova maglia tecnica che i trentasei atleti, di concerto con l’amministrazione comunale, hanno scelto di realizzare e che ieri, martedì 18 aprile, è stata presentata nel corso di una conferenza stampa a Palazzo di Città.

Presente all’incontro anche il Sindaco di Ostuni, Gianfranco Coppola, che ha manifestato il sostegno dell’amministrazione comunale a tutte le iniziative che vedono lo sport protagonista: «Ai miei tempi il centro sportivo ha tolto dalla strada tantissimi ragazzi. Io ritengo che lo sport sia fondamentale per l’educazione giovanile, pertanto ben venga la nascita di associazioni capaci di convogliare l’interesse dei ragazzi. Queste realtà svolgono il loro compito con dedizione e sacrificio, organizzando manifestazioni anche complesse che richiedono un esborso di fatica, tempo libero e risorse economiche, alle quali l’amministrazione comunale cerca di contribuire per quanto possibile».

Proprio all’Associazione Ostuni Runner’s fa capo l’organizzazione di uno degli eventi sportivi ormai diventato un appuntamento fisso nella Città Bianca.

«'Corri il centro storico' nasce quattro anni fa più per divertimento, pensando ad un percorso di pochi chilometri da svolgere nel rione vecchio – spiega Giuseppe Lacorte, presidente dell’Asd Ostuni Runner’s - L’evento ha portato nuovi tesserati e ci ha permesso di crescere come associazione. Siamo entrati a far parte del circuito “Sulle vie di Brento” e ogni anni proponiamo – sotto indicazione della Fidal, alla quale siamo iscritti – di svolgere a Ostuni la seconda tappa dell’iniziativa “Corri il centro storico – trofeo provinciale sulle vie di Brento”. Il 3 settembre ci sarà la quarta edizioni della manifestazione, che dallo scorso anno abbiamo iniziato ad organizzare in notturna riscuotendo un enorme successo».

I componenti di Ostuni Runner’s, come altre associazioni della Città Bianca, svolgono le proprie attività destreggiandosi tra numerose difficoltà, tra le quali la mancanza di una sede nella quale operare e riunirsi. Nel corso del suo intervento il Sindaco Coppola ha, però, rassicurato: «Il mio impegno è quello di individuare dei locali da consegnare alle associazioni che non hanno ancora una sede. Abbiamo fatto una ricognizione del patrimonio comunale e abbiamo scoperto la presenza di persone che usufruiscono irregolarmente di alcuni immobili. Stiamo cercando di rimettere in linea giuridicamente queste persone intimando loro lo sfratto. Probabilmente riusciremo a liberare qualche locale, che consegneremo alle associazioni solo dopo esserci assicurati che sia agibile e in buone condizioni, dal momento che alcuni di questi immobili risultano fatiscenti».

Intanto a partire dal prossimo autunno, Ostuni Runner’s potrà contare sulla disponibilità di una palestra comunale, nella quale far allenare il settore giovanile.

«L’obiettivo è quello di creare un piccolo vivaio destinato ai bambini dai sei anni in su. Con loro faremo sport giocando per farli divertire, ma anche per insegnare loro le prime capacità motorie – spiega Antonio Sofia, il tecnico che insieme a Salvatore Sasso e Sandro Suma, seguirà i più giovani – Ci auguriamo di vederli crescere dal punto di vista sportivo, come è già capitato con qualche ragazzo più grande, che ora ci sta regalando tante soddisfazioni. Non dobbiamo mai dimenticare che il futuro dell’atletica sono i ragazzi e noi ci stiamo adoperando per loro».

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette