Segnalano i lettori

Alberi abbattuti sul piazzale dei SS Medici: un parrocchiano si lamenta, il parroco risponde

Nei giorni scorsi sono stati abbattuti e pesantemente sfrondati diversi alberi che circondano il piazzale antistante la Chiesa dei Santi Medici in via Fogazzaro. Un lettore parla di "scempio" e il Parroco spiega le motivazioni

Whatsapp
Ostuni giovedì 30 marzo 2017
di La Redazione
Abbattuti gli alberi sul piazzale dei SS Medici. Un lettore si dice «costernato da questo scempio»
Abbattuti gli alberi sul piazzale dei SS Medici. Un lettore si dice «costernato da questo scempio» © OstuniLive.it

Dice di voler testimoniare la delusione e il dissenso di tanti cittadini ostunesi, il Sig. Giovanni Briamonte, firmatario di una missiva giunta in Redazione, per lamentare l’espianto e la brutale sfrondatura dei maestosi alberi che perimetrano il sagrato della Chiesa Santuario dei Santi Medici.

«Vorrei dare voce ai tanti ostunesi costerrnati da quello che è accaduto nel piazzale della chiesa dei Santi Medici – scrive il Sig. Briamonte – per l'abbattimento di tanti alberi che con sacrificio e paziente attesa sono cresciuti nel corso di tanti anni. Tutto questo è avvenuto nel silenzio più assordante, mi chiedo perché non siano stati interpellati i parrocchiani su questa disposizioni. Allo stesso tempo mi chiedo come si possa concepire che nessun parrocchiano o nessun cittadino ambientalista si sia ribellato. Grido allo scempio, perché trovo la decisione immotivata e spero che il Parroco, o chi è responsabile, possa giustificare quanto accaduto».

«Il motivo risiede innanzitutto nella salvaguardia della pubblica incolumità - spiega Don Giovanni Apollinare, Parroco dei SS Medici e Vicario Foraneo - dato che uno dei pini più alti era poggiato a un palo della corrente. Una forte raffica di vento avrebbe potuto generare danni alla rete e diventare quindi un serio pericolo. Le radici degli alberi inoltre hanno nel tempo danneggiato la pavimentazione del sagrato e il manto stradale in corrispondenza dell'ingresso al piazzale, l'intervento si è ritenuto non solo essenziale, ma anche urgente. Ho posto l'argomento all'attenzione del Consiglio Pastorale Parrocchiale, che si è riunito lo scorso gennaio, provvedendo a informare i fedeli successivamente, durante la Messa domenicale e in numerose altre occasioni. Se il signore mi avesse interpellato o fosse stato presente quando l'argomento è stato affrontato pubblicamente, avrebbe trovato le risposte che cercava».

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette