Giovedì 17 agosto

In scena nel Parco Archeologico di S. Maria d'Agnano lo spettacolo che rievoca gli anni '50

Domani sera la suggestiva cornice del teatro all'interno del Parco Archeologico di Santa Maria d'Agnano ospiterà lo spettacolo che rievoca gli anni Cinquanta, ideato e diretto dall'ostunese Enzo Valente

Spettacolo
Ostuni mercoledì 16 agosto 2017
di La Redazione
Gli anni '50 rievocati in uno spettacolo di beneficenza in scena il 21 aprile e il 5 maggio
Gli anni '50 rievocati in uno spettacolo di beneficenza in scena il 21 aprile e il 5 maggio © web

Il Parco Archeologico di Santa Maria d’Agnano ospiterà domani sera, giovedì 17 agosto, lo spettacolo, ideato e diretto da Enzo Valente, “Correva...gli anni ’50”.

Risate e ricordi, canzoni e notizie dei formidabili degli anni che lasciato un’impronta indelebile nel ricordo degli italiani: saranno questi i temi portati in scena domani, a partire dalle 20.30, nella suggestiva cornice del Teatro del Parco Archeologico ostunese.

Ai testi dello spettacolo, insieme a Enzo Valente, hanno collaborato Maria Benvenuto, Maria Grazia Caliandro, Anna Gemma Simini, Mimmo Anglani, Ferdinando Sallustio, Andrea Sgura e Angelo Zurlo. Nel corso della serata si ascolteranno inoltre le grandi canzoni dell'epoca, interpretate dallo stesso Enzo Valente e da Jenny Farina.

A curare le coreografie dello spettacolo sono state Isabella Cavallo e Marilena Fiordaliso, mentre a ballare saranno i giovani della scuola di danza Cayo Largo (c/o Vamos a la Fiesta). La consulenza musicale è del maestro Rosario Bruno e i costumi sono stati ideati Grazia Semeraro.

“Correva... gli anni ’50” è un varietà che farà ripercorrere quegli anni di speranza in cui l'Italia si risollevava dal disastro della Guerra accompagnata da guide autorevoli come Luigi Einaudi e Alcide De Gasperi, mentre l'autorità di Papa Pio XII lasciava il posto al sorriso di Papa Giovanni. XXIII Nel frattempo nasceva la televisione con i suoi primi miti, cominciava la storia musicale di Sanremo con le braccia aperte per "Volare" del grande Modugno; la regina Elisabetta inaugurava il suo lunghissimo regno, e anche la nostra città viveva ansie, speranze e cambiamenti.




Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette