L’intervista

Ginevra Joyce, la pugliese regina indiscussa del Burlesque

Pochi giorni fa la 31enne di Talsano, in provincia di Taranto, ha vinto lo show condotto da Katia Follesa, in onda su Zelig tv. «Nonno Ciccio è ancora convinto che io sia diventata una grande ballerina di danza classica»

Ostuni mercoledì 11 luglio 2018
di Elena Albanese
Serena Melchiorre, in arte Ginevra Joyce, durante Miss Burlesque Italia
Serena Melchiorre, in arte Ginevra Joyce, durante Miss Burlesque Italia © Viviana Brunello

Serena Melchiorre ha 31 anni e viene da Talsano, in provincia di Taranto. Vive a Roma ormai da 12 anni, dove è arrivata per studiare. «Mi sono laureata in Scienze motorie all'università di Tor Vergata - ci spiega - e poi ci sono rimasta per motivi lavorativi».

Pochi giorni fa ha vinto la I edizione di Miss Burlesque Italia, show condotto dall’attrice e cabarettista Katia Follesa su Zelig tv, canale 243 del digitale terrestre. Nelle vesti di ammaliante pin up è Ginevra Joyce; un nome scelto per motivi affettivi, ma anche culturali. «Ginevra perché volevo un nome che cominciasse con la G, dato che in famiglia mia madre si chiama Giovanna, mio padre Giovanni e mia sorella e Giada. Joyce è in onore del mio scrittore preferito».

Abbiamo parlato con lei all’indomani del trionfo, e ci ha raccontato molte cose di sé, innanzitutto com’è nata questa passione. «Qualche anno fa, per caso. Sono stata a un aperitivo con il mio migliore amico, ho visto una performer per la prima volta e sono rimasta completamente rapita, tanto da dire: "Voglio farlo anch'io!".

Tutto è nato come un hobby, ma ad oggi posso dire che per me è un vero e proprio lavoro che mi assorbe completamente: mi esibisco stabilmente in alcuni tra ipiù bei locali e teatri di Roma, dedico molto tempo all'insegnamento di quest'arte con corsi annuali a Roma e workshop in giro per l'Italia, organizzo feste a tema e addii al nubilato in stile burlesque, e soprattutto impiego molto del mio tempo alla creazione e al perfezionamento dei miei act».

Le chiedo se si ispiri a qualche figura in particolare, come la “veterana” (ha 45 anni) statunitense Dita Von Teese, forse la più famosa tra le performer, ma lei mi risponde semplicemente che «le mie fonti di ispirazioni sono le più disparate... a volte una canzone, a volte un abito, a volte un colore, altre volte un film, un dipinto, un profumo, una poesia…».

È arrivata a Miss Burlesque Italia «grazie a un'amica che mi ha girato il link del bando di concorsoche ha trovato per caso su Facebook. L'ho letto e un po' per gioco mi sono detta: "ma sì, proviamoci!". Mai mi sarei aspettata che a vincere un programma televisivoa cui partecipavano artiste da tutta Italia sarei stata proprio io!

È stata l'esperienza più entusiasmante ed emozionante della mia vita – prosegue -. Ho avuto modo diessere valutata da una giuria di altissimo livello e di confrontarmi con tutte le performer emergenti d'Italia. Avere la meglio su ognuna di loro per me è stata una bella conferma».

Il ricordo più bello? «Sicuramente quello della proclamazione. Le dieci finaliste sul palco. Katia Follesa chiamava ognuna di noi, partendo dall’ultimo posto. Man mano che le altre concorrenti venivano eliminateil cuore batteva sempre più forte. Mi guardavo intorno e realizzavo che mi stavo avvicinando sempre di più al titolo. Quando siamo rimaste in due, Katia ci ha prese per mano..."la vincitrice di Miss Burlesque Italia è..."; c'è stato un breve momento di silenzio che a me è sembrato durare decenni. Poi ho sentito il mio nome. Ecco, quell'istante io lo porterò con me e lo ricorderò per sempre».

E ora? «Non so di preciso cosa cambierà nella mia carriera. Vivrò con entusiasmo ogni porta che mi si aprirà grazie a questo titolo. Spero che mi porti fortuna e che sia per me un trampolino di lancio per una scintillante carriera. Colgo l'occasione per ringraziare Zelig TV, Stefano Sansarella e tutto lo staff di Miss Burlesque Italia per la fantastica esperienza che rimarrà nel mio cuore e per tutto ciò che di bello ne deriverà».

La sua storia – a torto o a ragione, non so – mi ha ricordato un po’ quella di una dirompente Sabrina Impacciatore protagonista del film “Pane e Burlesque”, girato non a caso in alcune delle nostre città. Anche lei partita (fuggita?) da un piccolo borgo pugliese, anche lei “maestra” della stessa arte. È proprio il suo ritorno al paesello d’origine a romperne la quiete, a scatenare una serie di maldicenze nei benpensanti e a dare il via a divertenti disavventure.

E il ritorno “a casa” di Serena com’è?

«A differenza di Mimi La Petite (il personaggio del film, ndr), io quando torno nella mia amata Puglia vado sempre "in incognito". I miei genitori, i miei zii e le mie cugine conoscono Ginevra Joyce e la seguono dal vivo e sui social.

Diversa è la situazione per ciò che concerne alcuni deinumerosi over 75 della mia famiglia. Nonno Ciccio, 84 anni, è un tantino all'antica. Non mi fa uscire di casa se ho le gambe o le spalle scoperte edè ancora convinto che io sia diventata una grande ballerina di danza classica! Sua moglie, invece, nonna Maria, 78 anni, ha guardato di nascosto tutte le puntate di Miss Burlesque Italia!».

Lascia il tuo commento
commenti