Riqualificazione del porto

Villanova: affidati i lavori di caratterizzazione dei sedimenti da dragare nel Porto

È stato sottoscritto ieri mattina in Comune il verbale di consegna delle aree del porticciolo di Villanova destinate al carotaggio. La ditta vincitrice del bando di gara è la Stes Sub Tecnical Service Srl di Mola di Bari

Politica
Ostuni venerdì 29 dicembre 2017
di La Redazione
Villanova: affidati i lavori di caratterizzazione dei sedimenti da dragare nel Porto
Villanova: affidati i lavori di caratterizzazione dei sedimenti da dragare nel Porto © OstuniLive.it

Potrebbe iniziare a prendere forma a breve l’intervento di riqualificazione del porto turistico di Villanova, da anni in attesa di una gestione integrata che nel lontano 2009 si prevedeva trentennale. Dopo 8 anni dalla pubblicazione del bando a cui parteciparono cinque ditte, la Regione riconosce ancora valida quella procedura, che nel tempo è stata oggetto di ricorsi al Tar e al Consiglio di Stato, indicando come idonea alla riqualificazione del Porto di Villanova l’ATI Cr Costruzioni Srl/Fraver Srl, unica società rimasta in lizza per l’assegnazione.

Nel frattempo l’amministrazione comunale avvia l’opera di caratterizzazione delle aree che verranno interessate dal dragaggio, affidata alla ditta Stes Sub Tecnical Service Srl di Mola di Bari, risultata aggiudicataria dell’avviso pubblico comunale.

«Il verbale di consegna delle aree dello specchio acqueo del porticciolo di Villanova alla ditta risultata vincitrice del bando di affidamento – spiega Luigi Nacci, assessore all’ambiente con delega alla riqualificazione del Porto – prevede una durata dei lavori di 45 giorni a partire da oggi (giovedì 28 dicembre), che avrà termine a metà febbraio 2018. Immediatamente a seguire si procederà alla redazione del progetto di dragaggio che sarà candidato al finanziamento secondo le indicazioni del bando regionale in attuazione al POR Puglia asse 7.4

Stiamo curando tutti i passaggi nel rispetto delle normative tecniche ed amministrative al fine di assicurare la massima qualità possibile del progetto di dragaggio. Vogliamo che vengano rispettati elevati standard operativi per non incappare in eventuali intoppi durante fase realizzativa e contemporaneamente per minimizzare l'impatto ambientale dell’operazione.

La procedura avviata – continua Nacci facendo riferimento alle accuse dell’opposizione, che paventa l’incompatibilità dell’operazione con altri procedimenti avviati, tra cui il “Patto per il Sud” – non è in contrasto con le altre linee di finanziamento pubblico e privato che l'amministrazione intende portare avanti, riservandosi la possibilità di valutare nel prosieguo la strada che garantisca i migliori risultati sia infrastrutturali che gestionali.

La ditta aggiudicataria nella persona dell'amministratore, il sig. Saverio Adragna, ha assicurato massima collaborazione con gli uffici tecnici del comune e che, forte della propria pluriennale esperienza maturata nel settore, farà tutto il possibile per rispettare i tempi imposti dal contratto, anche se molto restrittivi, garantendo i risultati qualitativi attesi. Si procede quindi con la richiesta alla Capitaneria di Porto di Brindisi dell'ordinanza per poter lavorare nello specchio acqueo».

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette