Documento Unico di Programmazione

L’Amministrazione presenta il Bilancio: 30mln di euro pronti a essere investiti sul territorio

Dal recupero dei crediti d’imposta alla realizzazione di numerose opere pubbliche, passando per il Fondo di Solidarietà comunale. Il Bilancio di previsione dell’Ente spiegato nel dettaglio

Politica
Ostuni giovedì 20 aprile 2017
di Paola Loparco
L’Amministrazione presenta il Bilancio: 30mln di euro pronti a essere investiti sul territorio © OstuniLive.it

A poche ore dalla discussione in Consiglio Comunale, il Bilancio di Previsione triennale viene presentato alla stampa durante la conferenza tenutasi ieri, mercoledì 19 aprile, a Palazzo di Città, a cui hanno preso parte il Sindaco di Ostuni Gianfranco Coppola e l’Assessore al Bilancio dell’Ente, Antonello Solito.

«Il documento unico di programmazione per il prossimo triennio, nel merito del quale entrerà il Consiglio Comunale – spiega l’Assessore Solito – si è facilmente adeguato alle nuove norme contabili, stilando un ottimo piano economico, in cui si è cercato di prendere in considerazione tutte le istanze pervenute dai dirigenti dei vari settori, su indirizzo politico degli amministratori. Ha raccolto il parere positivo del Collegio dei revisori, e anche il Forum della Società Civile, a cui lo abbiamo presentato ieri sera, si è detto soddisfatto. Abbiamo cercato di operare come il buon padre di famiglia, lavorando sui contenimenti di spesa, non imponendo tagli. Con orgoglio annuncio un'importante riduzione sulle utenze; abbiamo dato incarico a una società di consulenza esterna di analizzare i contratti e le fatture emesse nei confronti dell'Ente da parte di ENEL e Acquedotto Pugliese, riuscendo a recuperare un credito di € 145mila accumulato negli anni pregressi e in più un risparmio negli anni a venire di circa 50mila euro per anno.

Abbiamo accantonato, secondo le nuove norme, un fondo credito di dubbia esigibilità di 1mln e 700mila euro, derivante da una media tra entrate dichiarate e accertate nell'ultimo quinquennio. Il Bilancio prevede tutta una serie di opere e operazioni che verranno attuate senza ombra di dubbio entro la scadenza del triennio. Dai servizi sociali al turismo, dallo sport ai lavori pubblici, dove c'è un ottimo programma che non rappresenta assolutamente un "libro dei sogni", ma un piano operativo effettivamente concretizzabile. Costo a carico del Bilancio, ma che siamo orgogliosi di annunciare, il contributo al Fondo di Solidarietà Comunale. Ostuni è quindi tra i mille Comuni d'Italia che contribuisce al sostegno degli altri settemila che sono al di sotto degli standard, con un contributo di 406mila euro. Per il resto, avendo già parlato della riduzione delle aliquote sulle imposte comunali, soprattutto dell'IMU, che ci auguriamo di ridurre ulteriormente, abbiamo 30 mln di euro di spesa corrente, oltre i costi ordinari di gestione, che saranno investiti sul territorio. Non rinunceremo a nulla.

Un’altra punta d’orgoglio – conclude Solito – è per l’Ufficio Tributi, in cui iniziano ad avere effetto le politiche di accertamento, che saranno ancora in corso nel 2017, e i cui effetti si potranno valutare negli esercizi a seguire. A maggio o giugno al massimo presenteremo il “Portale del Cittadino”, rivolto a tutti i proprietari di immobili nel Comune di Ostuni, che ci porterà a ridurre notevolmente l’evasione fiscale. Per i vincoli che ci impone la Comunità Europea nell’accensione di mutui, per non sforare gli equilibri di bilancio, siamo costretti a dismettere e mettere in vendita alcuni edifici comunali. Per il dragaggio del Porto di Villanova il Comune sta partecipando a un bando regionale in scadenza il prossimo 30 aprile, che servirà a bonificare l’intera area, su cui verrà investo 1 mln di euro per il rifacimento».

«Ritengo che questo Bilancio sia il frutto di un lavoro efficace e professionalmente competente – dichiara il Sindaco Coppola – e devo ringraziare tutti coloro che hanno partecipato alla sua stesura. Le opere pubbliche inserite si stanno realizzando o si realizzeranno a breve, come il trasferimento del Comando dei Vigili; la rivalutazione della Zona 167, meglio nota come “Ostuni Città d’Arte”; la ristrutturazione della Scuola “Walt Disney” in Viale Aldo Moro, lasciata incompleta dalla scorsa amministrazione. Stiamo lavorando sulla Casa della Musica, per cercare di risolvere con la Soprintendenza le problematiche derivanti da una composizione stratigrafica del sottosuolo; abbiamo reperito 9cento mila euro per la ristrutturazione della San Carlo Borromeo e in cantiere ci sono tante altre opere di rilevanza pubblica, come la rotatoria in Via De Laurentis, e la rivalutazione di Vico Elena II, presso gli Orti della Grata.

Chiedo un atto di responsabilità a tutte le forze politiche che in Consiglio mi appoggiano. Il

Bilancio ha bisogno di essere approvato, immaginando che a margine di questo risultato verrà data giusta visibilità in Giunta anche ad Alternativa Popolare. Ostuni ha necessità di essere governata e non è il momento di perdersi in beghe politiche, che strozzerebbero la crescita economica del nostro territorio. Ci prepariamo a un’altra stagione turistica eccellente, cerchiamo di lavorare bene, facendo squadra; votiamo questo bilancio e se il giorno dopo qualcuno ritiene che debba andare via, nessun problema: nulla mi lega alla poltrona su cui siedo».

Lascia il tuo commento
I commenti degli utenti
Le più commentate
Le più lette