Sessione urgente

Consiglio Comunale: all’Ordine del Giorno la candidatura del Gal Alto Salento ai bandi regionali

​L’assise voterà l’accreditamento della nuova società “Gal Alto Salento 2020” ai bandi regionali in scadenza, per l'accesso ai finanziamenti dei Fondi europei per lo sviluppo agricolo e rurale, degli affari marittimi e della Pesca

Politica
Ostuni lunedì 20 marzo 2017
di La Redazione
Consiglio Comunale: all’Ordine del Giorno la candidatura del Gal Alto Salento ai bandi regionali
Consiglio Comunale: all’Ordine del Giorno la candidatura del Gal Alto Salento ai bandi regionali © web

Si riunirà oggi, lunedì 20 marzo, alle ore 15.00, in sessione urgente e pubblica di prima convocazione, il Consiglio Comunale ostunese, per discutere in merito a un unico punto all’ordine del giorno: la candidatura della neo costituita società a responsabilità limitata “Gal Alto Salento 2020” ai bandi regionali in scadenza, per l’accesso ai finanziamenti del FEASR (Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale) e FEAMP (Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca).

Dopo la stesura del Piano di Azione Locale, la struttura, che ha sede a Ostuni, ma che promuove lo sviluppo di un esteso territorio che conta altri sei comuni, tra cui il capoluogo di Provincia, è pronta ad attivare quelle politiche e azioni strategiche, individuate sulla base delle linee guida comunitarie, che interesseranno il quinquennio di programmazione che si chiuderà nel 2020.

Nessuna scossa è prevista per la maggioranza a sostegno del Sindaco Coppola, nonostante la pesante frattura tra le coalizioni a causa del mancato allargamento dell’esecutivo, con l’inclusione di un esponente di Area Popolare (da sabato scorso, Alternativa Popolare) che continua a rivendicare la propria visibilità in Giunta e dichiara di votare contro il Bilancio, se non dovesse ottenerla. Il vero banco di prova per questa claudicante maggioranza e per il Sindaco Coppola, qualora le forze politiche coinvolte non trovino prima univoca convergenza, sarà quindi il prossimo Consiglio comunale, che si terrà entro il 31 marzo e che dovrà esprimersi appunto sul piano finanziario dell’Ente. La posizione di Gianfranco Coppola è nota: se le forze politiche che lo sostengono non giungono a un accordo condiviso e condivisibile, non aspetterà di farsi sfiduciare in Consiglio, si dimetterà prima. 

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette