Quarta edizione

Si rinnova l'appuntamento con "La Notte Nazionale del Liceo Classico", pronta a stupire e incantare

Venerdì 12 gennaio si celebrerà anche nel Liceo "Calamo" di Ostuni "La Notte Nazionale del Liceo Classico" che, a partire dalle ore 18, offrirà ai visitatori momenti di poesia, teatro, musica e riflessione

Cultura
Ostuni mercoledì 10 gennaio 2018
di La Redazione
Si rinnova l'appuntamento con
Si rinnova l'appuntamento con "La Notte Nazionale del Liceo Classico", pronta a stupire e incantare © web

Torna anche quest’anno la Notte Nazionale del Liceo Classico, giunta ormai con grande successo alla sua quarta edizione e che si celebrerà in oltre quattrocento Istituti scolastici su tutto il territorio nazionale.

Venerdì 12 gennaio, dunque, apertura straordinaria, dalle 18:00 in poi, del Liceo “Antonio Calamo” di Ostuni che, ancora una volta, avrà occasione di mettere in luce il valore degli studi classici, dichiarandone l’attualità.

Letture, brevi rappresentazioni teatrali, coreografie, concerti, degustazioni a tema, dibattiti, allestimenti laboratoriali che, in questa edizione 2018, avranno come filo conduttore il libro.

Italo Calvino scriveva che «i classici sono libri che quanto più si crede di conoscerli per sentito dire, tanto più quando si leggono davvero si trovano nuovi, inaspettati, inediti». Ed è proprio questa la sfida che docenti e studenti del “Calamo” non esiteranno a raccogliere, quella di far toccare con mano come, oltre i “sentito dire”, il liceo classico si presenti quale scuola “inedita”, nella sempre rinnovata consapevolezza dell’indispensabilità del rapporto col mondo antico per essere all’altezza dei tempi.

Ospite d’onore della manifestazione sarà Antonio Rodríguez Menéndez, il drammaturgo spagnolo fondatore del “Proyecto Fahrenheit 451 (las personas libro)”; progetto riproposto in Italia dall’Associazione "Donne di Carta", che sarà presente con la presidentessa, Maria Rosaria Ambrogio, e Mario De Marco. Da svariati anni, infatti, il Liceo “Calamo” aderisce al progetto ispirato al famoso romanzo di Ray Bradbury, che ha come proprio obiettivo la “conservazione” della parola come “vincolo”, strumento per creare legami tra le persone.


«Il progetto delle “persone libro” è uno dei più importanti del nostro liceo – dichiara la Dirigente Scolastica, Annunziata Ferrara perché quello che maggiormente ci sta a cuore è una scuola in cui i giovani possano riconoscersi e ritrovarsi in una dimensione di piena humanitas. Noi vogliamo una scuola che dia spazio uguale alle dimensioni intellettuali e a quelle emotive, ad un’educazione che stabilisca forti contatti col mondo del lavoro ed anche con quei valori imprescindibili su cui costruire il futuro in positivo».

A “Fahrenheit 451” saranno, ancora, dedicate le performance dell’Officina del Sole, laboratorio teatrale del “Calamo” di recente insignito del Magna Grecia Awards.
Il pomeriggio proseguirà sulle note al pianoforte di Giacomo Anglani, giovanissima promessa della musica classica e studente del liceo ostunese, e con l’intervento di Francesca Garziano, Direttrice della Biblioteca Comunale “Francesco Trinchera senior”.

In serata, protagonisti assoluti saranno gli studenti con i laboratori allestiti per celebrare opere ed autori “classici”. Da Platone a Dante, da Shakespeare a Darwin, filosofi, poeti, scienziati che con i loro libri hanno cambiato per sempre il nostro immaginario collettivo. Senza dimenticare i “classici a tavola”: a partire dal "De re coquinaria" del gastronomo latino Apicio e con l’aiuto di Agostino Grassi, segretario della "Fondazione Dieta Mediterranea", i liceali proporranno un viaggio gustativo nella cucina da ieri ad oggi.

A chiudere la manifestazione, in contemporanea in tutta Italia, la lettura dell’"Inno a Selene" dello pseudo Omero.




Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette