Scattano i sigilli

I Forestali sequestrano un terreno agricolo adibito a discarica abusiva

Rifiuti di ogni tipo, tra cui pannelli in eternit, sono stati rinvenuti dai Carabinieri Forestali su un’area di 3mila mq posta immediatamente sotto sequestro. Denunciato il proprietario, un uomo di Ceglie Messapica

Cronaca
Ostuni lunedì 09 ottobre 2017
di La Redazione
I Forestali sequestrano un terreno agricolo adibito dal proprietario a discarica abusiva
I Forestali sequestrano un terreno agricolo adibito dal proprietario a discarica abusiva © Carabinieri Forestali

Durante un’ispezione rientrante nell’ambito del piano di controllo del territorio rurale, i Carabinieri Forestali della Stazione di Ostuni si sono imbattuti in una situazione di diffuso degrado, in contrada Grieco, all’interno di un terreno agricolo parzialmente coltivato, con un vigneto ormai in stato di abbandono.

Anche i due fabbricati rurali risultano in disuso e fatiscenti, in prossimità dei quali si estendono circa 2mila metri quadri di rifiuti di ogni genere: plastiche, gomme, materassi, lastre di eternit, materiali ferrosi, scarti di lavorazioni edili, legno, cavi, pneumatici fuori uso, guaine bituminose, elettrodomestici.

I Militari hanno quindi provveduto a delimitare la discarica abusiva, apponendovi i sigilli in esecuzione di sequestro penale probatorio e allo stesso tempo hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Brindisi il conduttore e comproprietario, V.P. di anni 54, di Ceglie Messapica.

Alla persona è stato contestato il reato di realizzazione di scarico abusivo di rifiuti pericolosi, di cui all’ art. 256, comma 3, del Decreto Legislativo 152 del 2006 (Testo Unico dell’ Ambiente). Per questa violazione è prevista la pena dell’ arresto da 1 a 3 anni e dell’ ammenda da 5.200 a 52.000 euro; inoltre, in seguito a condanna, la superficie sequestrata viene confiscata.

Da rilevare inoltre che, trattandosi di discarica con rifiuti in parte pericolosi, oltre alla esecuzione degli obblighi di bonifica e di ripristino dello stato dei luoghi, il trasgressore non può accedere al regime di favore introdotto dalla Legge 68 del 2015, che permette la definizione in via amministrativa del reato, qualora l’autore ottemperi nei tempi dovuti alle prescrizioni impartite per il recupero della situazione originaria.

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette