Prossimo appuntamento: 20 marzo

“Picasso, l’altra metà del cielo": avviato il processo di ideazione degli eventi collaterali

Si è tenuto lunedì l'incontro pubblico con gli operatori turistici interessati a ideare e programmare eventi culturali collaterali alla mostra diffusa "Picasso, l'altra metà del cielo", che si terrà dal 24 aprile al 4 novembre

Attualità
Ostuni mercoledì 07 marzo 2018
di La Redazione
“Picasso, l’altra metà del cielo
“Picasso, l’altra metà del cielo": avviato il processo di ideazione degli eventi collaterali © Salvo Di Franco

Dal 24 aprile al 4 novembre Ostuni ospiterà, presso Palazzo Tanzarella, la mostra diffusa “Picasso, l’altra metà del cielo”, che la Città bianca condivide con le città di Mesagne e Martina Franca.

Per non farsi trovare impreparati e per accogliere al meglio l’importante flusso di visitatori, l’amministrazione ha chiesto a commercianti e operatori turistici di iniziare a progettare una serie di iniziative collaterali alla mostra. L’assessore al Turismo e alla Cultura, Vittorio Carparelli e l’assessore alle Attività Produttive, Maria Zurlo, supportati dalla presenza di Gianluca Zurlo, coordinatore della mostra diffusa, hanno incontrato nel pomeriggio di lunedì 5 marzo, presso il Salone dei Sindaci di Palazzo di Città, alcuni tra gli esercenti e i rappresentanti delle associazioni di categoria interessati a supportare l’evento con iniziative proprie.

«Andiamo a istituire a partire da oggi- ha dichiarato nel corso dell’incontro l’assessore Carparelli – una sorta di tavolo tecnico permanente che operi intorno alla mostra e che permetterà di sviluppare al meglio i progetti di ciascuno e sfruttare al massimo un’occasione di crescita economica e turistica senza precedenti. Se lo scopo della mostra diffusa è quello di mettere “in rete” i tre Comuni coinvolti, con più di trecento opere che testimoniano la magnificenza artistica di Pablo Picasso, l’obiettivo di tutti noi deve essere quello di mettere assieme quante più iniziative che rendano ancora più prezioso l’intero contesto».

L’incontro è servito a entrare nel merito dei dettagli organizzativi e per gettare le basi di una programmazione partecipata degli eventi che accompagneranno il visitatore alla scoperta non solo di Ostuni e dintorni, ma anche delle altre due città che ospitano la mostra, tra cui insiste un territorio da ammirare attraverso percorsi di turismo lento e sostenibile, ideati per l’occasione. Inoltre, la macchina organizzativa e quella amministrativa hanno unito le forze per raggiungere un accordo con le due principali società di trasporto pubblico che operano nelle zone interessate dalla mostra e dai vari eventi a latere, nell’intento di collegare città e luoghi d’interesse turistico.

La parola adesso spetta agli operatori turistici e commerciali, che si sono dati appuntamento a martedì 20 marzo, per continuare a progettare quelli che saranno i piccoli e grandi eventi a latere della manifestazione.


Lascia il tuo commento
commenti