Disabilità, diritti umani e sviluppo sostenibile

Ostuni pronta ad ospitare il Festival della Cooperazione Internazionale

Si è svolta ieri mattina, lunedì 9 ottobre, la cerimonia di apertura del Festival, che ha visto protagoniste le scuole. La prima edizione entrerà nel vivo con gli appuntamenti in programma dal 13 al 15 ottobre

Attualità
Ostuni martedì 10 ottobre 2017
di Anna Maria Moro
Ostuni pronta ad ospitare il Festival della Cooperazione Internazionale
Ostuni pronta ad ospitare il Festival della Cooperazione Internazionale © OstuniLive.it

Tutto pronto ad Ostuni per la prima edizione del Festival della Cooperazione Internazionale. L’iniziativa - ideata dall’Aifo con il patrocinio del Comune di Ostuni e la collaborazione di Fish, Rete italiana disabilità e sviluppo, DPI Italia ed EducAid – ha aperto i battenti ieri (lunedì 9 ottobre), nel corso di una cerimonia che ha visto protagoniste soprattutto le scuole e ha potuto contare sulla preziosa partecipazione di Vincenzo Falabella, Presidente Nazionale Fish.

Disabilità, diritti umani e sviluppo sostenibile i temi che saranno affrontati nel corso di dibattiti, convegni e momenti di confronto in programma dal 13 al 15 ottobre. A fare da cornice agli incontri, mostre ed esposizione, per le quali sono già in corso le inaugurazioni. Obiettivo delle iniziative diffondere gli ideali di uguaglianza, giustizia sociale, collaborazione soprattutto tra le nuove generazioni.

«Abbiamo voluto costruire una cooperazione internazionale che parlasse di disabilità e di uguaglianza e che partisse dalle scuole – spiega Vincenzo Falabella, Presidente Nazionale Fish - Credo che se vogliamo cambiare il sistema di questo paese dobbiamo entrare nelle scuole per crescere le nuove generazioni con uno spirito diverso da quello che ci ha accompagnato sinora. Ci auguriamo, quindi, che il domani e il futuro sia migliore rispetto a quello che oggi stiamo vivendo».

Durante la conferenza è stato introdotto il concorso Follereau 2017/18 dal titolo “Il mondo non ha che due possibili destini: amarsi o scomparire. Noi abbiamo scelto l’amore”. E proprio nell’occasione sono stati consegnati gli attestati di partecipazione agli alunni del Quarto Circolo Didattico “Sigismondo Castromediano” di Lecce, vincitori dell’edizione 2016/17, che aveva per tema l’inclusione sociale. Un modo, anche quello del concorso, per far riflettere gli studenti sui concetti di identità, diversità, pluralità, rendendoli attivamente partecipi nella costruzione di piccole iniziative capaci di promuovere “la cultura del convivere” e renderli futuri “costruttori della pace nel mondo”.

«Quest’anno abbiamo avuto poco tempo per realizzare il Festival della Cooperazione Internazionale, ma ne avremo molto di più i prossimi anni – spiega a conclusione del suo intervento il coordinatore del Festival, Franco Colizzi - perché il festival si appresta a diventare un appuntamento annuale. Nel corso dell’anno, inoltre, organizzeremo tante iniziative di questo tipo, che spaziano dalla salute, alla disabilità, all’economia, alla ricerca, alla cultura perché la cooperazione si fa in tutti i campi».

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette